La Storia

Il Giro della Lunigiana nasce dall’iniziativa dei dirigenti dell’U.S. CASANO che alla fine della stagione agonistica del 1975 portano a sfidarsi in una breve corsa a tappe di due giorni denominata Giro della Bassa Lunigiana i più quotati ciclisti dilettanti italiani con il forte ciclista spezzino Pietro Giannarelli. Per la cronaca vinse il numero uno del ciclismo dilettantistico italiano Corrado Donadio.

L’iniziativa ebbe talmente successo che l’anno successivo venne inserita stabilmente nel calendario Nazionale della Federazione Ciclistica Italiana per la neonata categoria Juniores, ciclisti dell’età di diciasette e diciotto anni, con il nome Giro della Lunigiana anche con lo scopo di promuovere il territorio della Lunigiana in tutto il mondo.

Con il passare delle edizioni tale è stata la riuscita della manifestazione che fu inserita nel calendario internazionale della Unione Ciclistica Internazionale ed ad oggi è da tutti riconosciuta come la più importante gara a tappe della categoria Juniores, vero è che ad essa non possono partecipare le squadre di club, ma solo i migliori sei atleti selezionati dalle Rappresentative Regionali italiane e i migliori sei atleti di quindici Nazionali Straniere per complessivi 200 partecipanti.

Questa formula di partecipazione ha portato a gareggiare sulle nostre strade tutti i migliori atleti italiani e stranieri. Ai tempi della “guerra fredda” portò a sedere allo stesso tavolo le nazionali dell’allora Uninone Sovietica CCCP e li Stai Uniti, mentre nel 2003 ha portato ai nastri di partenza la Nazionale Iraniana e la Nazionale Israeliana.

Per fare comprendere il valore tecnico sportivo della manifestazione è sufficiente ricordare i nomi più altisonanti che hanno vinto il Giro come Franco Chioccioli, Gianluca Bortolami, Stefano Zanini, Gilberto Simoni con secondo Davide Rebellin, Marzio Bruseghin, Danilo Di Luca, Damiano Cunego, Alexander Kolobnev, Vincenzo Nibali, Valerio Agnoli.
Hanno partecipato vincendo tappe e distinguendosi per azioni agonistiche significative atleti come Pavel Tonkov, Maurizio Fondriest, Moreno Argentin, Davide Cassani, Michele Bartoli, Gianni Bugno, Paolo Bettini, Leonardo Piepoli, Ivan Basso, Jean Ulrich, Alessandro Petacchi, Diego Ulissi, Tony Martin, Peter Sagan, Adriano Malori, Lars Boom, John Dogenkolb, Fabio Aru, Moreno Moser e l’attuale Campione del Mondo Professionisti Michal Kwiatkwski.

Ricordiamoci per il futuro i nomi i due protagonisti del Giro 2012 il vincitore lo sloveno Matej Mohoric, campione del mondo Juniores nello stesso anno e subito campione del mondo l’anno successivo nella categoria Under 23, e Silvio Herklotz atleta tedesco quell’anno vincitore di ben tre tappe su quattro.
Ma il Giro della Lunigiana è diventato anche una significativa occasione per la promozione di tutto il nostro territorio e dei nostri inimitabili prodotti agroalimentari in quanto oltre alle circa quattrocento persone che fanno parte della carovana il Giro porta sulle strade migliaia di spettatori provenienti da tutto il mondo.